Tag

ufficio

image
Vita da imprenditori

La mia seconda casa

Ci siamo quasi, ci stiamo per trasferire nel nuovo ufficio. L’emozione è tanta perche’ traslocare non significa solamente spostare i mobili da uno spazio all’altro ma chiudere una parentesi, cambiare, rinnovarsi e ricominciare. Significa chiudersi alle spalle una porta e quindi un mare di ricordi, situazioni, persone e cose di tutti i giorni. Significa dire ‘ciao’ a tutte quelle cose che amavi o avevi imparato ad amare: il bar dell’angolo con il proprietario burbero ma i cornetti sempre caldi, il parco con gli amanti del jogging che non si capisce bene dove corrano, il parcheggiatore sempre arrabbiato perché la gente non sa guidare, un grattacielo sullo sfondo che quando c’è il tramonto riflette una luce quasi divina. E così ti costringe e fermarti e a riflettere pure tu. Lasci le lunghe camminate per prendere decisioni e la strada amica, sempre quella, che facevi ogni giorno per arrivare lì tra quelle quattro mura dove tutto sapeva di casa.

image (3)

image

All’improvviso poi ti trovi nel tuo nuovo ufficio, ancora vuoto, e guardi fuori: tutto è ancora da scoprire. Ti senti felice, curioso, affamato. Non abbiamo ancora portato i mobili ma già lo vedo pieno di speranze e sogni. Per rendere l’ufficio il posto che desideri ci vogliono visione, pazienza, e tanto coraggio. Si, bisogna tirare fuori i coglioni. E così sentendomi chiamato in causa decido di uscire e, zitto zitto ma felice, mi faccio da parte.

 

 

10540869_10152259092646811_3162262865675957935_n
Riflessioni a voce alta

Il dubbio amletico

Un giorno racconterò ai miei figli quanti significati possa assumere chiudere una porta. Può voler dire lasciarsi finalmente alle spalle qualcosa o semplicemente dirsi ‘arrivederci’ per un po’. Può significare lasciare dentro un mondo o portarlo fuori con se’. Racconterò di quell’attimo eterno e quel leggero senso di vuoto che avverto ogni volta che giro la chiave dell’ufficio consapevole che nessuno tornerà in quello spazio per un periodo: ciao schiamazzi, idee e vite. Sia chiaro, sono contentissimo all’idea di andare in vacanza ma mi tengo stretta questa sensazione di malinconia perché è quella che mi suggerisce che siamo sulla strada giusta. È un po’ come una persona che ti piace da morire: vorresti sempre stare con lei ma a volte è giusto e piacevolissimo anche staccare.