image

Hai prenotato un corso di cucina per avere l’ennesima riprova che non imparerai mai. Siete tu e altre 20 persone, tutte molto più preparate di te. Ti attivi per fare la cosa che in cucina ti riesce meglio: nasconderti. E così ti mescoli tra le padelle quando lo chef chiede una mano per impastare lo strudel, ti mimetizzi con la parete quando tutti tagliano le verdure a dadini per le crespelle, ti chiudi dentro un cassetto quando è il momento di preparare il cioccolato fondente. Per circa tre ore ti divincoli con successo per non fare scoprire che sei l’unico cane del corso. All’improvviso però lo chef ti indica e ti chiede di passargli il sale con le mani.

E sono subito 400 anni di sfiga.image image  image